Monday, June 17, 2019

The Daphnet Digital Library

The Daphnet Digital Library
The Daphnet Digital Library is a platform of secundary sources that offers a selection of critical contributions focusing on the texts contained in the Daphnet portal. These contributions (mostly taken from the catalogue of the ILIESI printed volumes and journals) will be interlinked with the texts included in the Daphnet platforms and with the articles published by the international journal Lexicon Philosophicum.
  • Lexicon Philosophicum: in this section you can find the articles already published in previous 12 issues, published by Olschki.
  • ILIESI Proceedings: in this section you can find the contributions dedicated to the history of terminology, published by Olschki.
  • Elenchos: in this section you can find the articles already published in previous issues by Bibliopolis Book Collection
  • Book collection: in this section you can find essays and critical studies.
  • Lexica: in this section you can find lexicographic instruments and resources.

Open Access Journal: Lexicon Philosophicum: International Journal for the History of Texts and Ideas

 [First posted in AWOL 8 April 2014, updated 17 June 2018]

Lexicon Philosophicum: International Journal for the History of Texts and Ideas
ISSN: 2283-7833
 Lexicon Philosophicum. International Journal for the History of Texts and Ideas
Lexicon Philosophicum is an annual peer-reviewed, open access journal, with an interdisciplinary character. The journal, published by CNR-ILIESI (Roma), provides open access to original, unpublished high quality contributions: critical essays, research articles, short texts editions, and critical bibliographic reviews on the history of philosophy, the history of science, and the history of ideas, with a special attention to textual and lexical data.

2018

Special Issue: Hellenistic Theories of Knowledge

Table of Contents

EDITORIAL

FOREWORD PDF
Francesco Verde, Massimo Catapano

ARTICLES

IL CANONE DI POLICLETO PDF
Massimiliano Papini
THEORIES OF KNOWLEDGE IN THE OLD ACADEMY PDF
John Dillon
PERIPATETIC EPISTEMOLOGY AFTER ARISTOTLE: THEORISING KNOWLEDGE FROM THEOPHRASTUS TO ARISTOCLES PDF
Han Baltussen
ANCORA SULLO STATUTO VERITATIVO DELLA SENSAZIONE IN EPICURO PDF
Francesco Verde
EPICUREAN THEORIES OF KNOWLEDGE FROM HERMARCHUS TO LUCRETIUS AND PHILODEMUS PDF
David Sedley
L’EPISTEMOLOGIE STOÏCIENNE PDF
Jean-Baptiste Gourinat
LA RAPPRESENTAZIONE CATALETTICA NELLA STOA POST-CRISIPPEA PDF
Francesca Alesse
IL PROBLEMA DELLA CONOSCENZA IN PIRRONE ED ENESIDEMO PDF
Massimo Catapano
ARCESILAUS: SOCRATIC SKEPTICISM IN PLATO’S ACADEMY PDF
Harald Thorsrud
HELLENISTIC PYTHAGOREAN EPISTEMOLOGY PDF
Giulia De Cesaris, Phillip Sidney Horky
L’EPISTEMOLOGIA DELLA MEDICINA ELLENISTICA PDF
Mario Vegetti
LA MUSICA IN ETÀ ELLENISTICA PDF
Aldo Brancacci

Download the entire issue

Special Issue, 2018: Hellenistic Theories of Knowledge PDF
 








2013


See AWOL's full List of Open Access Journals in Ancient Studies

 

DIGITAL AND TRADITIONAL EPIGRAPHY IN CONTEXT: Proceedings of the EAGLE 2016 International Conference

DIGITAL AND TRADITIONAL EPIGRAPHY IN CONTEXT: Proceedings of the EAGLE 2016 International Conference
Codice: 9788893770217
Collana: 
Convegni
Numero Collana: 
36
Collezione: 
Studi umanistici
Serie: 
Antichistica
formato: 
16x23
pagine: 
446
lingua: 
inglese
tipologia: 
monografia
formato elettronico: 
Prezzo: €0,00
FREE VERSION DOWNLOAD 
Open access work licensed to the public under a Creative Commons Attribution 3.0 Italia license (CC BY-NC-ND).
Opera diffusa in modalità open access e sottoposta a licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale - Non opere derivate (CC BY-NC-ND), 3.0 Italia
This volume collects the proceedings of the final conference of the European project EAGLE (Europeana network of Ancient Greek and Latin Epigraphy), held at the Sapienza University of Rome on January 28-30th 2016.
eBook disponibile anche su Google Play e Google Libri
DOI: 
https://doi.org/10.13133/978-88-9377-021-7

MUNUS LAETITIAE: Studi miscellanei offerti a Maria Letizia Lazzarini

MUNUS LAETITIAE: Studi miscellanei offerti a Maria Letizia Lazzarini
Codice: 9788893770736
Collana: 
Studi e Ricerche
Numero Collana: 
70
Collezione: 
Studi umanistici
Serie: 
Antichistica
formato: 
16x23
pagine: 
1004
lingua: 
italiano
tipologia: 
monografia
formato elettronico: 
Prezzo: €0,00

FREE VERSION DOWNLOAD

Open access work licensed to the public under a Creative Commons Attribution 3.0 Italia license (CC BY-NC-ND).
Opera diffusa in modalità open access e sottoposta a licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale - Non opere derivate (CC BY-NC-ND), 3.0 Italia
Questa pubblicazione è un omaggio da parte di amici, colleghi ed ex allievi a Maria Letizia Lazzarini, una delle personalità più rappresentative nel panorama dell’epigrafia greca in Italia e nel mondo, per oltre vent’anni titolare della cattedra di Epigrafia greca all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
eBook disponibile anche su Google Play e Google Libri

Sunday, June 16, 2019

ABU TBEIRAH EXCAVATIONS I. AREA 1: Last Phase and Building A – Phase 1

ABU TBEIRAH EXCAVATIONS I. AREA 1: Last Phase and Building A – Phase 1
Collana: 
Materiali e documenti
Numero Collana: 
44
formato: 
21x29,7
pagine: 
492
lingua: 
inglese
tipologia: 
monografia
formato elettronico: 
Prezzo: €0,00
FREE VERSION DOWNLOAD 
Open access work licensed to the public under a Creative Commons Attribution 3.0 Italia license (CC BY-NC-ND).
Opera diffusa in modalità open access e sottoposta a licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale - Non opere derivate (CC BY-NC-ND), 3.0 Italia.
This book presents the results of the archaeological activities and specialistic studies carried out at the site of Abu Tbeirah (Nasiriyah, Province of Dhi Qar, southern Iraq) by the Iraqi-Italian joint mission of the Iraqi State Board of Antiquities and Heritage and of Sapienza, led by F. D’Agostino and L. Romano (Dipartimento – Istituto Italiano di Studi Orientali). In the volume the accomplishments of the first seven campaigns (2011-2016) are introduced together with an assessment of the palaeo-environment and landscape surrounding the site. After an introduction to the reasons that led to start the archaeological activities in Abu Tbeirah, written by HE Dr A. Al-Hamdani, Minister of Culture of the Republic of Iraq, the diggings in the south-eastern Area 1 are presented (the cemetery and the other activities identified immediately under the top-soil and the last phase of Building A). A preliminary assessment on the Early-Dynastic III/Akkadian Transition pottery horizon (2450-2150 BC) is presented as well. At the same time, the multifaceted analyses and studies, carried out on Abu Tbeirah’s site and findings, are included in the volume.

Didymus Papyrus

Didymus Papyrus
Didymus Papyrus
Didymus the Blind (AD 313 – 398) was an important Christian exegete from Alexandria. He was esteemed by Jerome and by Bishop Athanasius, who appointed Didymus head of the school at Alexandria. Blind already in his youth , Didymus was heavily influenced by Origen (ca. 184 – 254) and composed numerous volumes of biblical commentary. When the writings of Origen were condemned as heretical by Justinian at the second council of Constantinople (553), Didymus’s writings also fell into disrepute. During the Middle Ages, no copies of Didymus’s writings seem to have circulated.

“P.BYU Did.” identifies part of a late-5th/early-6th century papyrus codex that was scattered after its discovery during the Second World War and is now partially recovered in various locations. In 1941 British military engineers discovered a hoard of at least eight papyrus codices in a subterranean cavern at Tura, about 10 miles outside Cairo, almost certainly in the very spot they had occupied since Late Antiquity. The Tura find restored otherwise unattested treatises by Didymus the Blind, by Origen, and by another unknown author. Five of the Tura codices contain Didymus’s commentaries on principal books of the Old Testament, Genesis, Ecclesiastes, Job, Zachariah, and Psalms...

View the papyrus →

Saturday, June 15, 2019

Open Access Journal: Bollettino di Archeologia On Line

[First posted in AWOL 14 March 2011, updated 15 June 2019]

Bollettino di Archeologia On Line
ISSN 2039-0076
Bollettino di archeologia online
Editoriale


Quasi un secolo è passato dall’emanazione del R.D. 30 gennaio 1913, n. 363 (Regolamento di esecuzione delle leggi 20 giugno 1909, n. 364, e 23 giugno 1912, n. 688, per le antichità e le belle arti), ma ne resta, tra altri, tuttora in vigore l’art. 83 che assegnava alla responsabilità del Soprintendente l’invio al Ministero, ai fini della pubblicazione, di una relazione sui risultati scientifici ottenuti negli scavi più importanti. La sede allora prevista per la pubblicazione erano le ”Notizie degli scavi e scoperte d'antichità” dell’Accademia dei Lincei, cui si sono opportunamente affiancate nel corso di questo secolo numerose altre sedi di pubblicazione. Nonostante tale moltiplicazione di testate, il problema della edizione degli scavi archeologici è tuttavia restato un problema fondamentale e, duole dirlo, largamente irrisolto; ciò anche per l’enorme dilatarsi, naturalmente ben venuto sotto il profilo culturale, della materia oggetto della ricerca scientifica, al quale però non ha corrisposto un’adeguata estensione dei mezzi per le pubblicazioni.


Da alcuni anni la tecnologia informatica è venuta in aiuto mettendo a disposizione strumenti molto potenti per dar soluzione – o almeno avviare a soluzione - a questo problema. Non è naturalmente questa la sede per illustrare i vantaggi che il nostro Ministero può ricavare dall’utilizzazione dell’editoria elettronica nel settore archeologico, ma vale la pena ricordarli almeno sommariamente: mettere a disposizione delle Soprintendenze un efficace strumento per gestire, anche con metodologie e criteri innovativi, la pubblicazione di grandi quantità di dati in tempi utili al progredire della ricerca e alla comunicazione di informazioni su temi di interesse generale (ad esempio nel campo dell’archeologia preventiva); offrire al personale tecnico-scientifico del Ministero e ai loro collaboratori esterni la possibilità di pubblicare (mantenendo la proprietà intellettuale delle opere prodotte) con costi ridotti la propria produzione scientifica di qualità garantita, in un circuito che ne permette la diffusione accanto o in alternativa all’editoria commerciale; offrire un servizio all’utenza contribuendo all’attività di valorizzazione del patrimonio; accrescere l’impatto della produzione scientifica entrando a far parte del circuito globale delle “digital libraries”; diffondere l’immagine del Ministero anche attraverso un proprio marchio editoriale.


A circa vent’anni dalla nascita del “Bollettino di Archeologia” ad opera di Paola Pelagatti e Adriano La Regina e a quasi un decennio della nascita di una Direzione Generale per i Beni Archeologici, la Direzione per le Antichità ha voluto perciò istituire, anche avvalendosi dell’importante esperienza maturata in collaborazioni come quella con “Fold&R” e “Fastionline”, una rivista telematica che costituisca un punto di riferimento ed un luogo di discussione per tutti gli studiosi, funzionari, collaboratori, docenti e ricercatori che operano a vario titolo nel settore archeologico. L’obiettivo è che essa diventi oltre che luogo di pubblicazione di scavi e ricerche, anche sede di incontro di problematiche specifiche e luogo di confronto per realtà diverse, occasione per offrire un ampio panorama delle attività di ricerca, di tutela e di promozione della conoscenza del ricco patrimonio archeologico italiano, strumento per informare e confrontarsi su tematiche attuali, su questioni di metodo, su prospettive innovative e sulla molteplicità di iniziative di comune interesse per quanti operano nel settore. Naturalmente l’interesse dell’uso dell’informatica sta anche nella possibilità di rinnovare i modi stessi della comunicazione archeologica, e crediamo che la disponibilità di uno strumento, peraltro a utilizzazione gratuita, come questo, faciliterà la sperimentazione di nuovi modi di divulgazione, ma anche riflessioni sul senso del nostro lavoro nel contesto attuale, anche nel confronto con quanto si fa in altri settori e altri paesi.


Se nel tempo molte Soprintendenze Archeologiche hanno meritoriamente attivato proprie collane editoriali, destinate a sensibilizzare soprattutto un pubblico locale, la nuova testata potrà costituire occasione anche per dare risalto a livello nazionale ed internazionale alle attività editoriali ed alle pubblicazioni di ciascun Ufficio, anche attraverso presentazioni, anticipazioni o recensioni.


Al tempo stesso è auspicabile che l’iniziativa possa invogliare la partecipazione dei colleghi di altri Paesi, europei e non, con problematiche simili o punti di vista differenti, per confermare la validità e la vitalità di un dibattito aperto nella comunità scientifica degli archeologi e degli amministratori del patrimonio di antichità, indipendentemente dai confini circoscritti di ciascuna nazione.


Non a caso, in apertura della Rivista e in alcuni dei primi fascicoli saranno pubblicati gli atti del XVII International Congress of Classical Archaeology - Meetings between Cultures in the ancient Mediterranean, svoltosi a Roma dal 22 al 26 settembre 2008, raccolti e curati per la pubblicazione dall’Associazione Internazionale di Archeologia Classica con la quale questo Ministero ha da tempo istituito la proficua collaborazione sopra ricordata per Fasti online e Fold&R. Il numero 0 della nuova rivista scientifica è solo una ridotta presentazione della più vasta rassegna che sarà messa in rete nei prossimi mesi con la pubblicazione delle diverse sessioni del Congresso, contestualmente alla presentazione dei contributi scientifici e agli spunti di discussione che auspichiamo possano pervenire numerosi per arricchire il panorama che ci si prefigge di presentare.


Nel frattempo ci attendiamo dai colleghi proposte, suggerimenti, articoli, contributi per dar corpo e linfa vitale alla nuova rivista, che, come indica la partecipazione al Comitato Scientifico di tutti i Soprintendenti italiani, intende essere più che la Rivista della Direzione per le Antichità, la rivista di tutti gli archeologi dell’Amministrazione. La pubblicazione dei dati degli scavi e delle ricerche archeologiche, resta infatti, insieme alla tutela e alla conservazione del patrimonio, il fine ultimo del lavoro degli archeologi che operano nel Ministero, oltre che un loro preciso dovere culturale e sociale, in quanto non si tratta solo di mettere sempre nuovi e più precisi segmenti nell’inesauribile disegno della ricerca scientifica, ma anche di far partecipe nei diversi modi della comunicazione l’intera comunità, che sostiene i costi di queste ricerche, dei valori della storia: ovvero dare sempre più compiuta attuazione al dettato dell’articolo 9 della nostra Costituzione.


Buon lavoro.


Stefano De Caro

Numero 1, 2018, Anno IX

Copertina

Sommario

Novità, scoperte e attività

V. ACCONCIA, V. D’ERCOLE – La necropoli delle Castagne a Castelvecchio Subequo (AQ): cultura materiale e inquadramento territoriale (pp. 5-42)
A. FALCONE, V. IACOMI – Archeologia dell’acqua a Elaiussa Sebaste, Cilicia (Turchia): un contesto di scavo di età protobizantina nel quartiere residenziale presso il porto meridionale (pp. 43-76)

Approfondimenti e discussioni/Questioni di metodo

J. PAPADOPOULOS, E. PROIETTI, D. D’ONOFRIO – Controllo del territorio e contrasto agli scavi clandestini. L’azione della Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dopo la riforma (pp. 77-108)
M. TAVIANI – La “Topografia Generale del Palatino, Foro Romano e adiacenze”. Appunti su metodologia e strumentazione in uso all’epoca di Rodolfo Lanciani e Giacomo Boni (pp. 109-129)